Un pugno di libri

Una nuova rubrica dedicata ai libri che esce ogni venerdì.


A volo di struzzo di Stefano Benni

Mi sembrava che tutto quello che si poteva dire sulla fantasia e sul mestiere dello scrivere fosse già contenuto nello spazio compreso tra l’avventuriero Duca d’Auge e il contemplatore Cidrolin, cioè lui. Forse il mio discorso non l’ha interessato troppo, perchè si è addormentato. È arrivata Zazie, voleva che le comprassi un paio di jeans. Il metrò era chiuso per sciopero. Camminava svelta e diceva: “Hanno detto che io sono una clausola assassina contro il metalinguaggio dei grandi. L’ha detto Barthes, mica un coglione qualsiasi. Ti faccio paura?”. […] (Proseguirà venerdì prossimo).

I sommersi e i salvati di Primo Levi

Quali sono le strutture gerarchiche di un sistema autoritario e quali le tecniche per annientare la personalità di un individuo? Quali rapporti si creano tra oppressori e oppressi? Chi sono gli esseri che abitano la “zona grigia” della collaborazione? Era possibile ribellarsi?

La fortuna dei Meijer di Charles Lewinsky

Quattro generazioni della famiglia Meijer, gli amori, i momenti di felicità e di disperazione, le lotte per integrarsi e imporsi. Da Endingen, uno dei villaggi dove gli ebrei svizzeri erano costretti a risiedere nell’Ottocento, a Baden e infine a Zurigo. Un romanzo che conquista subito il lettore e non lo abbandona più, facendolo sperare, soffrire, divertire, vivere con i Meijer.

Lettere D’amore nel frigo di Luciano Ligabue

Per LucianoLigabue le poesie non sono canzoni senza musica.Sono un altro modo di raccontare storie ed emozioni. Queste poesie segnano un esordio, ma anche un ritorno al Ligabue delle origini. Testi che riconoscono nei maestri della poesia americana del Novecento un punto di riferimento, da cui però Ligabue si allontana subito. Perchè la sua voce, anche nelle poesie, è inconfondibile e solo sua.

Non è l’albero dei ricordi, azzurra l’aria di Rosetta Loy

I furori sentimentali dell’adolescenza e della gioventù durante i giorni dell’ultima guerra, dalla campagna d’Africa alla strage di Sant’Anna di Stazzema. Un romanzo dalle sequenze magistrali capace di evocare, di raccontare, di commuovere.

Commentate commentate.. Dite la vostra!!